venerdì 11 novembre 2011

Quattro crepuscoli

 

ÁNGEL GONZÁLEZ

IL COSIDDETTO CREPUSCOLO

Il cosiddetto crepuscolo
non sarà il rossore – effimero – del giorno
che si sente colpevole
di tutto ciò che è stato
– e non è stato?
Questo giorno fugace
che, proprio come un delinquente,
approfitta dell’ombra per andarsene.

(da Prosemi o meno, 1984)

.

.

CREPUSCOLO, ALBUQUERQUE, INVERNO

Non fu un sogno,
lo vidi:

La neve ardeva.

(da Prosemi o meno, 1984)

.

.

UN LUNGO ADDIO

Che giorno pigro, questo
che oggi non vuole andarsene
alla sua ora.
Il sole,
ormai dietro la linea lucida
dell’orizzonte,
lo tira a sé,
lo reclama.
Ma
gli uccelli lo aggrovigliano
con il loro canto
ai rami più alti,
e una brezza contraria
mantiene in bilico, su di noi,
la polvere dorata
della sua luce.
Esce la luna ed è ancora giorno.
La luce che era d’oro ora è d’argento.

(da Autunni e altre luci, 2001)

.

.

SPERANZA

Speranza,
ragno nero del crepuscolo.
Ti fermi
non lontano dal mio corpo
abbandonato, ti aggiri
intorno a me,
intessendo, rapidamente,
invisibili fili inconsistenti,
ti avvicini, ostinata,
e mi accarezzi appena con la tua ombra
pesante
e lieve a un tempo.
Rintanata
sotto le pietre e sotto le ore,
hai atteso, paziente, l’arrivo
di questa sera
in cui più niente
è possibile…
Il mio cuore:
il tuo nido.
Mordilo, speranza.

(da Senza speranza, con convinzione, 1961)

(Traduzioni di Selena Simonatti)

 

“Non cerco mai le poesie: spuntano” disse in un’intervista il poeta spagnolo Ángel González (1925-2008). Spuntano come le sere cadono improvvise nel variare della luce, nel lento inabissarsi della sfera solare, nel tingersi del cielo e delle nuvole. Così il giorno se ne va ogni volta in maniera diversa: talora sembra indugiare, pare che voglia trattenersi, che gli piaccia la compagnia e gli dispiaccia andarsene; talvolta, al contrario, è quasi in fuga, rapido infila l’orizzonte e se ne va abbandonandoci all’oscurità. Ma è in quel momento, in quel rossore del giorno, che ci perdiamo nei ricordi, che cogliamo la meraviglia, che ci lasciamo andare alla speranza. E la poesia spunta…

.

IMMAGINE © ELIZABETH STRAWN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ora andrà verso altre terre, / portando via luci e speranze / lanciando lontano stormi di uccelli / e rumori e voci e campane / - cane rumoroso che agita la coda / e abbaia davanti alla porta chiusa.
ÁNGEL GONZÁLEZ

4 commenti:

Vania ha detto...

...ci sono dei passagi in queste poesie davvero da Urlo:)...nel senso che sono ok...:))

..belle...belle....spuntano nel pc ed io colgo al volo.;))
ciaooo Vania

....le neve ardeva...questa devo dire che l'ho "vissuta" ...in un piccolo scritto che avevo scritto...scusa della replica...ma butto giù le parole come mi vengono in mente.:)

DR ha detto...

anch'io ho visto la neve ardere, diventare di fuoco... amo molto soffermarmi a osservare i crepuscoli

Tra cenere e terra ha detto...

Autunni e crepuscoli nelle tue pagine meravigliose, come nei tuoi versi. Voorei vederci un po' di primavera, senza aspettarmi alcun inverno...

DR ha detto...

la primavera c'è anche adesso, l'ombra della speranza...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...