lunedì 6 giugno 2011

Tra adesso e adesso

 

OCTAVIO PAZ

IL PONTE

Tra adesso e adesso
tra io sono e tu sei
la parola
ponte.

Entri in te stessa
quando entri in lei:
il mondo si chiude
come un anello.

Da una sponda all'altra
sempre si stende un corpo,
un arcobaleno.

Sotto i suoi archi dormirò.

(da Salamandra, 1962)

.

“In verità, noi non vediamo passare le cose: vediamo come le cose passano attraverso il poeta – e anch’egli passa. L’io del poeta, nell’uso della prima o della terza persona, è lo spazio in cui succedono le cose, uno spazio che è anche tempo” scriveva Octavio Paz nel 1972 in Puertas al campo. L’ossessione della crisi dell’idea del tempo è ricorrente in Paz: il poeta messicano, Premio Nobel 1990, troverà in India una risposta che coinvolgerà coscienza e poesia, nel superamento dell’Io della filosofia occidentale. Il tempo e la parola stessa verranno messi in discussione davanti all’onnipotenza del silenzio: “L’istante si dissolve nell’anonima successione degli altri istanti. Per salvarlo dobbiamo convertirlo in ritmo”.

.

Fotografia © Ewallpapers

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia è la nostra unica istanza contro il tempo rettilineo, contro il progresso. 
OCTAVIO PAZ, Corrente alterna

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...