domenica 12 giugno 2011

Il terzo bacio


SARA TEASDALE

IL BACIO NELLO SGUARDO


A primavera Stephen mi ha baciata
E Robin in autunno – Colin poi
semplicemente, mi ha solo guardata –
nemmeno il cenno d’un bacio da lui.

Ecco: il bacio di Stephen l’ho scordato,
quello di Robin pure in fumo è andato,
ma il terzo bacio, in quegli occhi di brace,
giorno e notte m’insidia, senza pace.


(da Gli amorosi incanti, Crocetti, 2010 – Traduzione di Silvio Raffo)

.
“Guardarsi negli occhi è più indecente che andare a letto insieme” chiosò ironicamente, ma non troppo, il poeta francese Boris Vian. Se è vero, come si dice, che gli occhi sono lo specchio dell’anima, allora il più grande atto d’amore è guardarsi. E lo conferma la tormentata poetessa americana Sara Teasdale, nata a St. Louis nel 1884 e morta suicida nel 1933 a New York: questi versi hanno una sensibilità che ricorda un’altra grande poetessa statunitense, Emily Dickinson, e suonano vagamente ottocenteschi se consideriamo che furono scritti al tempo delle avanguardie e dello sperimentalismo. Ma sono tanto belli, a testimoniare che la poesia non ha forma e soprattutto che non è una moda.

.
image
IMMAGINE © SUSSEX UNIVERSITY
.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il primo amore mi ha donato il canto, / il secondo la vista senza inganno, / ma il terzo amore, oh, quello è stato / che la mia anima a me ha rivelato.
SARA TEASDALE, Gli amorosi incanti

4 commenti:

Veronica ha detto...

Freud sosteneva che il bacio è un contatto tra due mucose digestive.Sono sicura che non abbia mai baciato ( non una donna amata almeno).

DR ha detto...

A Freud mancava la poesia, che è il sapore della vita. Troppo scientifico e poco spirituale.

Veronica ha detto...

Scientifico dici? io direi Vittoriano!

DR ha detto...

Sì, vittoriano è più appropriato :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...