venerdì 30 gennaio 2015

La ruggine del tempo

 

JON JUARISTI

PONTICA

A un altro appartengono
Le scene che la tua memoria serba:
Immagini confuse
Che la ruggine del tempo consuma.

Un altro è quello che le sogna
Da un passato di rabbia silenziosa.

Muore con esse una lingua esangue
Una causa votata alla sconfitta.

E tu invecchi lontano,
Nell’esilio della terra intera,
Tra voci estranee
E solitudini vicine,
Perdendo ogni giorno e salvando
I colori e le linee e le forme
Di un mondo alieno che credesti tuo
Innalzando intorno alla sua assenza torva
Logori labirinti di parole,
Un palazzo decrepito e angusto,
Una torre, una muraglia, forse una vita.

Dell’altro sono i sogni che custodisci.

(da Viento sobre las lóbregas colinas, 2008)

.

Ci appartengono ancora le memorie? Siamo ancora noi quelli che hanno vissuto quei giorni, quegli avvenimenti? Siamo gli stessi che vissero e videro, che amarono e si emozionarono? O il tempo intervenuto a frapporre giorni, mesi, anni, decenni ha mutato anche noi così come ha sbiadito nella memoria quelle immagini, così come ha ingiallito e scolorato le fotografie? È quello che si chiede il poeta spagnolo Jon Juaristi (Bilbao, 1951): possibile che ci dobbiamo accontentare soltanto dei sogni?

.

Ruggine

FOTOGRAFIA © EMILIAN VICOL/PIXABAY

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non si dovrebbe mai guardare i vecchi ritratti. Anzi, non si dovrebbe mai farsi fare un ritratto. Gli anni passano, e un bel giorno si hanno così dei testimoni dolorosi della propria giovinezza, del tempo passato.
MAXENCE VAN DER MEERSCH, Perché non sanno quello che fanno

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...