venerdì 2 gennaio 2015

Altre due poesie per gennaio

 

Ma, alla fine, come dice il poeta lussemburghese Lambert Schlechter (Lussemburgo, 1941), che ci frega del tempo? Se fa caldo, se fa freddo, se fa brutto, se fa bello? Anche la percezione del clima è influenzata dal nostro stato d’animo. Dall’amore, per esempio. Dalla malinconia. O dalla memoria, dai sogni, come la Piazza San Pietro illuminata dalla luna di gennaio nella poesia di Giorgio Vigolo (1894-1983)

.

LAMBERT SCHLECHTERSchlechter

PICCOLO ELOGIO DEL GRIGIO GENNAIO

Bel tempo, cattivo tempo, che importa
mi sono liberato del clima
il mio paese è il mio amore
c’è sempre il sole.

(da L’opposto di ogni posto, Interlinea, 2013 - Traduzione di Clemente Condello)

.

.


.

.

GIORGIO VIGOLO

L’EREMITA DI ROMA, XIX

Luna di gennaio
ti sono venuto a vedere
come splendi
questa notte sul cespo
delle fontane:
la cupola la prendi in un respiro,
la fai diventare cielo.
La piazza si solleva
col suo lastrico azzurro
verso la croce d’Orione.
Nera è la bocca del colonnato:
suona il campanone
come sugli ebbri sogni
della mia giovinezza,
quando nelle buie notti
qui venivo a conoscere
il viso del mio destino.

(da Linea della vita, Mondadori, 1949)

.

.

Pinterest

FOTOGRAFIA © JORGE HENRIQUE MÚJICA

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Come indugia il crepuscolo, / crudele o pietoso? / No, è gennaio al declino / e il giorno s’allunga.
ATTILIO BERTOLUCCI, Viaggio d’inverno

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...