martedì 9 aprile 2013

L’eclisse di te

 

MARIO LUZIluzi1

NON ANDARTENE

Non andartene,
non lasciare
l’eclisse di te
nella mia stanza.
Chi ti cerca è il sole,
non ha pietà della tua assenza
il sole, ti trova anche nei luoghi
casuali
dove sei passata,
nei posti che hai lasciato
e in quelli dove sei
inavvertitamente andata
brucia
ed equipara
al nulla tutta quanta
la tua fervida giornata.
Eppure è stata,
è stata,
nessuna ora
sua è vanificata.

(da Dottrina dell’estremo principiante, Garzanti, 2004)

.

Il passaggio del sole sull’assenza della donna amata: Mario Luzi (1914-2005) si serve dello scorrere dei raggi per segnare la continuità della vita, per costruire un legame tra passato e presente e al contempo registrare questa assenza. Quelle ombre disegnate sulle mattonelle della stanza, sugli arredi, quei riflessi accesi sui mobili, sugli ottoni, sugli specchi sono altrettante memorie che divampano nella mente del poeta.

.

05_hopper_sun_empty_room

EDWARD HOPPER, “SUN IN A EMPTY ROOM”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Assoluta come un marmo farà / tristi altre sere la tua assenza.

JORGE LUIS BORGES, Fervore di Buenos Aires

3 commenti:

Vania ha detto...

...geniale idea...un "flash"...che illumina.
ciaoo Vania:)

Greta ha detto...

Bellissima immagine, quella dell'eclissi. E' interessante come il sole, visto tante volte come un elemento positivo, si trasforma in un elemento negativo. Anche in "Ed è subito sera" di Quasimodo c'è questa visione negativa del sole, che ai tempi del liceo mi aveva colpito.
Blog molto bello!
Se hai voglia, passa dal mio Giardino delle Esperidi...

DR ha detto...

Blog interessante il tuo, Greta: l'ho aggiunto ai feed che leggo e alla lista dei blog consigliati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...