venerdì 26 aprile 2013

La voce del mare

 

CHARLES TOMLINSONth

ESTETICA

Non nel cemento si cerchi la realtà,
ma nello spazio, reso articolato:
la spiaggia, per esempio,
che tra muro e muro s'allarga,
la voce del mare
che dal silenzio il silenzio infrange.

(da The Necklace, 1955 - Traduzione di Silvano Sabbadini)

.

Questa visone estetica del poeta inglese Charles Tomlinson (Stoke-on-Trent, 1927) è quella di un viaggiatore, capace di osservare non soltanto i grandi monumenti delle città d'arte italiane ma anche e soprattutto - come un pittore, quale del resto è - le sottili distinzioni nel colore del mare, le sfumature del cielo nel divenire di un tramonto. Un sentimento della natura guida questa estetica, un'essenza nuova e antica, immobile e insieme in continuo mutamento: “Per definire il mare / mutiamo le nostre opinioni / col mutare della luce”.

.

417260

MARGARETH HEATH, “BEACH HUTS, SOUTHWOLD”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'arte esiste dopo un intervallo, / dopo due la rievocazione, e discute / di un blu di cui qualcuno udì / qualcun altro parlare.
CHARLES TOMLINSON, Seeing is Believing

3 commenti:

Paolo ha detto...

Un poco naif questa posizione. Belli i versi e brutto il cemento. Ma se è un ospedale?

Non l'arido sabbione
ma il bel palazzone
che ti cura la vita agra
la gotta e la pellagra...

DR ha detto...

utile certo, però poeticamente arido, esteticamente spesso indignificante. Utilissimo, comunque, per fortuna

Vania ha detto...

..un "impronta" ..."scalfita" nel cemento questa poesia.

Ciaoo Vania:)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...