sabato 16 febbraio 2013

Strane cose

 

MAROSA DI GIORGIOMarosa-di-Giorgio

ANDANDO PER QUEL CAMPO, SPUNTAVANO, ALL’IMPROVVISO

Andando per quel campo, sbucavano all’improvviso quelle strane
cose. Le chiamavano, lì intorno, virtù o spiriti. Ma
in realtà erano il prodotto di esseri tristi, quasi immobili,
                          che mai uscivano da quel luogo.
Cose dell’altro mondo, sembrava, e quasi eterne,
perché il vento e la pioggia le lavavano e lucidavano, ogni volta
di più. Bisognava vedere quelle nevi, quelle creme,
quei funghi purissimi… Quella rugiada, quelle uova,
                           quegli specchi.
Scultura, o pittura, o scrittura, mai vista, ma facilmente
                           decifrabile.
Nel leggervi attraverso, sorgeva tutto il passato e risultava evidente
                           il futuro.
I poeti più grandi sono là, dove io dico.

(da Clavel y tenebrario, 1979)

.

La poetessa uruguayana Marosa Di Giorgio (1932-2004) amava molto la mitologia e un particolare luogo di moderni miti risulta essere anche questo campo vagamente surreale dove ad emergere sono alla fine le arti: è grazie ad esse, alla scultura, alla pittura, alla scrittura – e soprattutto alla poesia – che possiamo comprendere il passato e intravedere il futuro.

.

134696

FOTOGRAFIA © MICHAEL KAHN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il compito attuale dell'arte è di introdurre il caos nell'ordine
.
THEODOR ADORNO, Minima moralia

2 commenti:

Vania ha detto...

.....una "nozione" di vita.

ciaooo Vania:)

..la frase non da meno:)

DR ha detto...

l'arte è caos

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...