sabato 17 settembre 2016

L’angelo muto

 

DIEGO VALERI

ECATE, DOLCE LUME DEL NOTTURNO

Ecate, dolce lume del notturno
Erebo nostro, tu
sola stai su noi soli,
bianca, fredda, lontana.
Pure è in te una dolcezza
che scende in noi come un silenzio amico:
tu sei l’angelo muto
che veglia sugli opachi
nostri sonni, sul nostro
delirante sognare.

(da Calle del vento, Mondadori, 1975)

.

Ecate è in questo caso la luna calante, il dolce biancore di un ultimo quarto di luna che splende nell’oscurità. Ma Diego Valeri (1887-1976) sa bene che Ecate è anche l’antica divinità - indoeuropea prima che greca e romana – della magia. Quella luna calante diventa allora una sorta di angelo in grado di comprendere e favorire i nostri sogni.

..

.

JEAN EHLER, “LAST QUARTER MOON”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Cosi piccola cosa - una falcetta / bianca, di luna, incisa nell'opaca / azzurrità del crepuscolo estremo – / basta a tener sospesa in un magato / stupore, dentro immobili velari / di sogno, la città d'acqua e di sasso.
DIEGO VALERI, Poesie

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...