sabato 12 marzo 2011

Un viso

 

MARIO LUZI

DOVE L'OMBRA

Dove l'ombra procede e le strade ristanno
tra i fiori, ricordarmi le parole
e le grida dell'uomo è forse un inganno.
Ma sempre sotto il cielo consueto
ritrovo le mie tracce, il mio sole
e gli alberi remoti del tempo
fissi dietro le svolte. E sempre,
ancor che mi sia noto il dolce segreto,
sulla polvere quieta, tra le aiuole,
m'indugio ad aspettare che sporga
un viso inenarrabile dal sole.

(da Un brindisi, Sansoni, 1946)

.

È il dramma dell’umana condizione esistenziale che percorre tutta l’opera poetica di Mario Luzi: li esprime spesso con paesaggi naturali sotto climi avversi – le famose “ondate” di Sulla riva, le “burrasche” di Notizie a Giuseppina dopo tanti anni, “l’aspro vento di Quaresima” di Nella casa di N. compagna d’infanzia. Qui invece il gioco è tra l’ombra e la luce: il poeta avanza in quel territorio ostile, quello del dubbio, quello degli interrogativi sulla solitudine, sull’incomunicabilità, sull’inevitabile scacco finale; ma nel paesaggio consueto, nel percorso familiare delle cose più care, ritrova quel barlume di speranza, quella partecipazione comune che risolve il dilemma in una comunione: è l’Altro che può sostenerci in questa espiazione che è la vita, è il viso della donna amata che si sporge alla finestra in pieno sole.

.

Pablo Picasso, “Casetta in un giardino”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO 
Mi reggo tra passato ed avvenire / o come è giusto o come il cuore tollera.
MARIO LUZI, Onore del vero

1 commento:

Vania ha detto...

"....m'indugio ad aspettare che sporga
un viso inenarrabile dal sole."

....inenarrabile bellezza.
ciaoooo Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...