giovedì 30 settembre 2010

A Tegucicalpa

 

VILMA VARGAS ROBLES

TEGUCICALPA

Mi fai male
come se l’aria intorpidita dei tuoi tetti fosse con me
e mi desse la forza in un respiro affannato.

Lasci ciottoli negli occhi
- si vedono la notte -

Ho paura di cadere.

Balbetto davanti a una cartina stradale.
Penso di fuggire e continuo a cercarti,
terra spaccata dove affondo e germoglio con durezza.

(da “El fuego y la siesta”, Ministerio de Cultura de Honduras, 1983)

.

Chi frequenta con assiduità questo blog sa che ogni tanto amo proporre voci poco note e spesso voci di poetesse: forse perché sono affascinato dalla differenza del modo di pensare femminile. Trovo che le donne vedano il mondo e la realtà da un altro punto di vista. E questo mi piace davvero parecchio, è utile al confronto.

Ecco allora Vilma Vargas Robles, poetessa del Costarica, nata nel 1961 a Turrubares, presso San José. È una delle fondatrici dell’Associazione Culturale Casa della Poesia, che si propone di diffondere la poesia come strumento di pace, e ha pubblicato “El fuego y la siesta”, “El ojo de la cerradura” e “El oro de la vida”.

La poesia proposta, parla di una città, Tegucicalpa, la capitale dell’Honduras, e delle sensazioni che provoca nella giovane Vilma. Sensazioni che abbiamo provato tutti in una città straniera: e non è questo la poesia, condividere un’emozione'?

.

Veduta di Tegucicalpa © LeRoc

.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
LA FRASE DEL GIORNO
Le parole non sono di questo mondo / fino a quando non cadono a terra / simili a frutti o demoni.
VILMA VARGAS ROBLES, El fuego y la siesta

6 commenti:

zoé ha detto...

Bella, molto bella ........

Vania e Paolo ha detto...

...e Tu condividi e ci fai conoscere alcune le emozioni. Grazie.


...davvero "pungenti" questi versi....denotano un amore incredibile....si vede/legge proprio la "sofferenza".
Ciao Vania


...non sono d'accordo che ci siano differenza di punti di vista di donne con alcuni uomini...credo dipenda tutto dalla personalità/sensibilità/esperienza/carattere.

...comunque...in fine ...MIGLIORI...lo siamo sempre.;)...scherzo !!!

DR ha detto...

Non sono io a dire che il pensiero femminile e quello maschile sono differenti, è la scienza: i maschietti erano originariamente attrezzati per la caccia, le femminucce per la cura della prole e della famiglia (parlo della notte dei tempi, non fraintendetemi). È anche per questo motivo che un uomo apre il frigo e non trova subito il burro, la donna ci si fionda...

claudia ha detto...

...intensa, si intuisce qualcosa di selvaggio e primordiale. Soprattutto, colpisce l'età di chi scrive: soli 22 anni. Davvero notevole.. grazie come sempre a te per averla condivisa.
c.

Vania e Paolo ha detto...

...allora ...è un argomento molto delicato...credo che donna e uomo...hanno avuto sempre ruoli differenti...nel tempo passato...e la scienza non ha sbagliato ...e se ti devo dire la verità....preferirei fosse rimasto ancora così...in parte....è il "mondo"...che si è evoluto...(anche troppo)...una donna...se cura...(bene)..la prole e la famiglia....credo sia un Lavoro non indifferente....è che l'uomo non ha considerato questo...ed ecco che...è successo un caos.

la donna è diventato "uomo"...ha perso...la sua caratteristica e viceversa.

...è simpatico il discorso del frigo...è che a Voi uomini....fà piacere essere serviti e riveriti...attenzione....che qui esce un 'altra Vania. :)...e non dirmi che non ho ragione...le mamme in generale...nei tempi passati Vi hanno viziato alla grande....anche se la trovo una cosa molto positiva e mi fà sorridere...perchè era il ruolo di una vera madre.

..potrei continuare per ore...vadooo....
ciaoo Vania

DR ha detto...

@ Claudia: ha colpito anche me l'età che aveva la Vargas Robles, allora universitaria in Honduras, forse anche da lì deriva il senso di selvaggio.

@ Vania: tempo fa avevo parlato di uomini-maschio e uomini-femmina per dire che ormai non ci sono - non ci dovrebbero essere - differenze sociali. Quella del frigo è proprio questione di cervello: l'occhio maschile è abituato alle distanze (forse per quello ci piace il calcio), quello femminile è più allenato sulla cerchia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...