mercoledì 19 giugno 2019

Fumo


ÁNGEL GONZÁLEZ

INVANO

Ho lavorato l’aria
l’ho affidata al vento:
volò, si dissolse,
ritornò silenzio.

Per il vasto mare,
negli alti cieli,
ho lavorato il nulla,
ho compiuto la fatica,
ho perforato la luce
ho penetrato il mistero.

Invano, ora,
invano, quindi;
fumo sono le mie opere,
cenere i miei fatti.

…e il mio cuore
rimane in loro.


(da Senza speranza, con convinzione, 1961)

.

“Canta il dolore o la disperazione, il grigio annullarsi nella frustrazione o nella tristezza irrimediabile del fallimento dei sogni” scriveva già nel 1968 Guillermo Díaz-Plaja della poesia di Ángel González. Una descrizione che calza a pennello per questi versi che sono una specie di amaro bilancio – lo stesso Ángel si definì “un uomo con astio per tutto” – e che perdono in tale occasione quella sottile vena ironica che di solito nelle sue poesie pennella con un tocco di colore la consueta malinconia dello scorrere del tempo.

.

MIHAI CRISTE, “DIARIO DELLE MAREE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Dicono che l'acqua passata non macina più. Ma il fiume della vita che è passato continua a macinarmi vivo, fatto polvere nell'amore dell'acqua, quell'acqua, il cui lontano mormorio sente ancora il mio cuore.
ÁNGEL GONZÁLEZ, Nulla di grave




Ángel González Muñiz (Oviedo, 6 settembre 1925 – Madrid, 12  gennaio 2008), poeta spagnolo della Generazione del ‘50. Premio Principe delle Asturie nel 1985 e Premio Regina Sofia nel 1996. La sua opera mescola intimismo e poesia sociale con un tocco ironico. Il passare del tempo, l’amore e la civilizzazione sono i suoi temi ricorrenti, giocati su toni di un’ottimistica malinconia.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...