lunedì 22 aprile 2019

L’ala o il coltello


JOSÉ ÁNGEL VALENTE

L’ANGELO


All’alba,
quando la durezza del giorno ci è ancora estranea
torno a incontrarti alla frontiera esatta
oltre la quale la notte si allontana.

Riconosco la tua oscura trasparenza,
il tuo volto invisibile,
l’ala o il coltello contro cui ho lottato.

Vai o ritorni o riappari
al confine estremo, signore
dell’indistinto.
                         Non separare
l’ombra dalla luce che ha generato.


(da Materiale memoria, 1979)

.

Il territorio chiaro e assieme incomprensibile dell’alba, del risveglio, del passaggio dallo stato del sonno a quello della coscienza, è una frontiera in cui spesso galleggiamo tra sogno e reale, tra l’oscurità misteriosa della notte e la luce del giorno: così in quello spazio intermedio il poeta spagnolo José Ángel Valente si trova faccia a faccia con l’angelo, figura che resta confinata nell’inconscio.

.

KATHY MORTON STANION, "DARK ANGEL"

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il risveglio, l’alba: modo e luogo di ciò che appare, di ciò che è pura e assoluta intensità della manifestazione prima di entrare nell’ordine dei significati.
JOSÉ ANGEL VALENTE, La pietra e il centro




ValenteJosé Ángel Valente (Orense, 25 aprile 1929 - Ginevra, 18 luglio 2000) fu un poeta, saggista e traduttore spagnolo. Accostato al Gruppo poetico dei ‘50, dal 1966 evolve verso una poesia più esistenziale e influenzata dalla mistica.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...