giovedì 14 giugno 2018

Sempre più in alto


JOAN MARGARIT

POESIA

Né, come Sisifo, conosco la mia pietra.
La faccio rotolare sempre più in alto. E cade sempre giù.
Torno a prenderla, è pesante e ruvida.
Ma lo stesso la scaldo con le mie braccia
mentre riprendo a farla salire più in alto.
È una strana infelicità.
Penso che è più crudele però,
non avere mai trovato nessuna pietra
per sollevarla così, inutilmente.
Farla salire per amore, Sempre più in alto.

(da Si perde il segnale, 2013)

.

“Inseguendo la bellezza, sei solo: / se la raggiungi, svanisce e lascia / polvere di farfalla sulle dita”: è la fatica di fare poesia, secondo Joan Margarit, che addirittura la paragona al titanico supplizio di Sisifo, condannato per avere sfidato gli dei a far rotolare fino alla cima di una collina un masso che, una volta alla sommità, torna a rotolare lungo il pendio. Fare poesia è portare su e giù quella pietra, dice Margarit, ma un supplizio ben più grande sarebbe non avere trovato mai la pietra della propria poesia: “Rincorrerai di nuovo lo splendore / che cerchi dentro di te, come il lampo / che mostra fugacemente, / fino al lontano orizzonte, la realtà”.

.

sisyphus

IMMAGINE DAL WEB

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia serve a introdurre nella solitudine delle persone un mutamento che favorisca un maggiore ordine interiore di fronte al disordine della vita.
JOAN MARGARIT, Calcolo strutturale




Joan Margarit i Consarnau  (Sanaüja, 11 maggio 1938) è un poeta, architetto ed ex professore catalano. Si definisce poeta bilingue catalano/castigliano, disdegna le correnti poetiche e considera il poeta  "l’essere più realista e più pragmatico perché beve dalla realtà”.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...