lunedì 17 luglio 2017

Siamo intrecciati


STEPHEN DUNN

AL MIO DOPPIO

Sei sempre stata quella cauta
che entra nella passione in punta di piedi
e la taglia a metà con la ragione.
Te l'ho permesso, e sono andato
per vie più felici e selvagge.
Ora ogni mio pensiero
sembra una fune annodata
a un'altra fune, che va indietro
nel tempo. Siamo intrecciati.
Ho imparato a esitare
persino dinanzi alla porta più spalancata.
Non so cosa tu abbia imparato.
Ma andare avanti, lo sento,
è andare insieme adesso. C'è un posto
dove vorrei arrivare prima di notte.

(To my doppelganger, da Qui e ora, 2011 - Traduzione di Patrizio Ceccagnoli)

.

Il doppio di questa poesia di Stephen Dunn (New York, 1939), che potrebbe apparire romanticamente come la donna con cui condividere la vita, la celebre altra metà platonica, è in realtà la mente, in eterno conflitto con il cuore come nel celebre asserto pascaliano: “La ragione non conosce le ragioni del cuore”. Eppure, dice Dunn, giocoforza si deve arrivare a un compromesso, se non proprio a una complicità.

.

ILLUSTRAZIONE DI CHRISTIAN SCHLOE

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ho provato / a diventare un altro per un po’ / solo per scoprire che anche lui era me.
STEPHEN DUNN, Qui e ora

1 commento:

Adriana Pitacco ha detto...

E' un poeta che non conosco, e che ora desidero scoprire!
Grazie
Adriana Pitacco

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...