sabato 22 luglio 2017

L’arpa dimenticata


GUSTAVO ADOLFO BÉCQUER

DEL SALOTTO NELL’ANGOLO BUIO

Del salotto nell' angolo buio,
dal suo padrone forse dimenticata,
silenziosa e coperta di polvere,
si vedeva l'arpa.

Quante note dormivano sulle corde,
come uccelli che dormono sui rami,
sperando la mano di neve
che sa come strapparle!

Ahi! - pensai - Quante volte il Genio
così dorme nel fondo dell'anima,
e una voce, come Lazzaro, aspetta .
che gli dica: «Alzati e cammina!».

(Rima VII, da Rime, 1871– Traduzione di Marina Cepeda Fuentes)

.

Un’arpa giace abbandonata in un polveroso salotto: è l’analogia che il poeta spagnolo Gustavo Adolfo Bécquer (1836-1870) sceglie in questa sua Rima per rappresentare l’ispirazione, la Musa addormentata che attende di essere miracolosamente risvegliata.

.

Williams

ROBERT DALE WILLIAMS, “NATURA MORTA CON VIOLA E ARPA”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
I poeti cercano l'ispirazione lontano, mentre essa è nel cuore.

ALPHONSE DE LAMARTINE, Graziella

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...