lunedì 5 giugno 2017

Al cinquecentesimo chilometro


IZET SARAJLIĆ
DAL TRENO

Guardavo passarmi davanti le donne,
le presenti e le future,
i paesaggi
e i pali del telegrafo,
ho visto il giorno e la notte
succedersi in silenzio.
Scenderò giù a qualche stazione
pazzo di questi mutamenti di colori e linee
per comunicarti
che al cinquecentesimo chilometro dell’amore
ti amavo esattamente come al primo.


(da Chi ha fatto il turno di notte, Einaudi, 2012 – Traduzione di Silvio Ferrari)

.

Chi ama davvero ama di un amore fermo e immutabile, come il poeta bosniaco Izet Sarajlić (1930-2002): non importano le distanze, non importa il passato e neppure il futuro, non importano le altre donne. Per Izet c’è solo Mikica, la donna che ha sposato a dispetto della differenza religiosa e che, sopravvissuta alla guerra a Sarajevo, morirà subito dopo, nel 1996.

.

Treno

FOTOGRAFIA DA TUMBLR

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ti dedico i miei occhi, le mie labbra, i miei denti. / Le poesie? Che te ne fai delle mie poesie scritte perché non sapevo tacere? / Che te ne fai delle mie poesie che non ti possono amare?
IZET SARAILIĆ, Chi ha fatto il turno di notte

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...