venerdì 26 maggio 2017

La rosa fugace

 

WERNER ASPENSTRÖMAspenstrom_thumb1

POESIA

La rosa fugace
nella mano fugace,
nella poesia fugace.
Ti siedi con l’alfabeto.
Il gatto è comodo e fa le fusa.
E tu sei seduto tra pile di libri.

.

Lo svedese Werner Aspenström (1918-1997) vede la poesia come una rosa in una mano che svanisce però velocemente – del resto, il tempo è un ossessione di Aspenström. Il poeta stesso si ritrae nell’atto di comporre, seduto con tutto il suo sapere a disposizione, in una stanza tranquilla.

.

Antonov_thumb1

ALEXEI ANTONOV, “ROSA NEL BUIO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia è la forza invisibile che ci permette ancora di meravigliarci e di provare stupore per la bellezza del mondo.

ROMANO BATTAGLIA, Incanto

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...