sabato 1 aprile 2017

Poesie per aprile III


La dolcezza di aprile, il suo tepore, la prima adolescenza della natura sono i protagonisti di questi versi dedicati al mese delle fioriture e della Pasqua da due poeti del Novecento italiano,  un quasi leopardiano Franco Matacotta (1916-1978) e un limpido Libero De Libero (1903-1981).

 

FRANCO MATACOTTAmatacotta1

IN QUESTO SPARSO ODORE DI GIACINTO

Ancora viva nella pura luce
della sera d’aprile, ancora viva,
luna?

Così fragile sei nell’aria tersa
che fa vibrare i teneri trifogli
ed allontana il suono delle trombe
sulla piana notturna, luna ignara,
in questo sparso odore di giacinto
cancelli ogni memoria e sulla nuda
petrosa terra, tu sola viva, luna.

(da Naialuna, Edizioni amici della poesia, 1948)

.

.

.

.

LIBERO DE LIBERO

PER UN APRILE

Il sole è un’arida pietra
stamane e per me si ripete
il tempo di rondini
novelle di altri paesi
come acqua fresca alla mano.
E gli orti e il cielo implume
nel fievole vento dissennati
assaporano l’aria,
già trasale il mio sonno
pensato per l’ombra d’una quercia.

(da Solstizio, Quaderni di Novissima, 1936)

.

.Giacinto

FOTOGRAFIA © PEZIBEAR/PIXABAY

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Fuggevoli le ore / che il materassaio batte / da un nascosto cortile / fuggevole è l’aprile.
ATTILIO BERTOLUCCI, Viaggio d’inverno

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...