sabato 22 aprile 2017

Deposito di ombre

 

OLGA OROZCO Orozco

CANTI A BERENICE, VI

Non hai mangiato il loto dell’oblio
- l’omerico privilegio degli dei –,
perché sapevi già che chi dimentica diventa un oggetto inanimato
- abbandonato alla risacca o relitto alla deriva -
all’estro del capriccioso mare delle altre memorie.
E così hai frugato un giorno nel tuo deposito di ombre
e hai annodato di nuovo con teneri lacci piccole ossa disperse,
tessuti innamorati del sapore della pioggia,
viscere dolci come arnie soprannaturali per l’ape regina,
denti che furono lupi nelle steppe della luna,
unghie che furono tigri nella profonda giungla imbalsamata.
E hai avvolto tutto in questo sacco di carbone stellato
che hai scagliato fino a qui, come da un treno in corsa,
e che in qualche luogo ha lasciato un buco attraverso cui ti aspirano
e dove devi tornare.

(da Canti a Berenice, 1977)

.

Sant’Agostino nelle sue Confessioni scrisse che “La facoltà della memoria è grandiosa. Ispira quasi un senso di terrore, Dio mio, la sua infinita e profonda complessità”. Ricordare significa ricostruire, riconnettere, riallacciare collegamenti dispersi, come fa il protagonista di questi versi della poetessa argentina Olga Orozco (1920-1999): come un moderno Dottor Frankenstein rimette assieme i pezzi dolorosamente ma anche dolcemente, tenendo ben presente che l’oblio è il nulla.

.

Olbinski

DIPINTO DI RAFAL OLBINSKI

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Tua sorella, la memoria, con un giovane ramo ancora tra le mani, / racconta un’altra volta la leggenda infinita di un paese di nebbia.
OLGA OROZCO, Da lontano

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...