giovedì 9 marzo 2017

La croce e i chiodi

 

JORGE LUIS BORGES

IL COMPLICE

Mi crocifiggono e io devo essere la croce e i chiodi.
Mi tendono il calice e io devo essere la cicuta.
Mi ingannano e io devo essere la menzogna.
Mi bruciano e io devo essere l’inferno.
Devo lodare e ringraziare ogni istante del tempo.
Il mio nutrimento sono tutte le cose.
Il peso preciso dell’universo, l’umiliazione, il giubilo.
Devo giustificare ciò che mi ferisce.
Non importa la mia fortuna o la mia sventura.
Sono il poeta.

(El cómplice, da La cifra, Mondadori, 1982 – Traduzione di Domenico Porzio)

.

Lo scrittore argentino Jorge Luis Borges (1899-1986) nella sua teologia basata sull’estetica vede Il poeta quasi come un martire cristiano: la sua dolorosa ricerca lo porta a essere come l’Heautontimorumenos, il “punitore di se stesso” di Terenzio “riletto” da Baudelaire: “Sono la piaga e il coltello! / Sono lo schiaffo e la guancia! / Sono le membra e la ruota, / vittima e carnefice!”

.

Jorge Luis Borges -

JORGE LUIS BORGES – FOTOGRAFIA © CORNELL UNIVERSITY

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ogni scrittore, ogni uomo deve vedere in tutto ciò che gli accade, ivi compreso lo scacco, l'umiliazione e la sventura, uno strumento, un materiale per la sua arte, da cui deve trarre profitto
.
JORGE LUIS BORGES, L’altro, lo stesso

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...