martedì 28 marzo 2017

Da vicino

 

PEDRO TAMENPedro Tamen

TI SCRIVO DA VICINO, COME SE LA MANO

Ti scrivo da vicino, come se la mano
ti fosse oggetto breve affiorato,
come se dalla strada ti arrivasse
la piccola certezza per l’acquisto
dei minuti seguenti. Da vicino
come il sole, come la cicala.
Come un silenzio pieno
che ti venisse agli occhi di mattina
e amarti fosse l’abito
scelto al cominciar del giorno.

(da Poesia n. 266, Dicembre 2011 - Traduzione di Giulia Lanciani)

.

Un pensiero per l’amata, un piccolo gesto che il poeta portoghese Pedro Tamen (Lisbona 1934) compie sulla scia di ciò che soleva fare il pittore Salvatore Fiume: “Scriverti / è come recitare una preghiera”. È come una piccola luce che rischiara il buio del senso, che apre il mondo del possibile e sancisce la vittoria della speranza.

.

RAFAL OLBINSKI, “LETTERS TO EUROPE”, PART.

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Se il tuo silenzio morde la mia gioia, / scrivo. // Se non c’è musica per riempire le tue assenze, / scrivo.
JULIETA DOBLES

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...