giovedì 16 marzo 2017

Così cantava

 

SOLVEIG VON SCHOULTZVon Schoultz

CUORE

Gli davamo miglio, non troppo,
a sufficienza perché non si stancasse,
gli davamo acqua, un ditale,
perché gli ricordasse la sorgente
aprivamo la porta, appena un po’
perché il cielo gli colpisse l’occhio
e abbiamo messo un pezzo di specchio nella sua gabbia
perché vedesse direttamente la nuvola.
Restava immobile con le ali palpitanti.

Così cantava.

.

Il cuore come un uccellino in gabbia, come un canarino privato della libertà che si illude per un raggio di sole e un pezzetto di cielo e allora canta: è tutta in questa immagine la poesia di Solveig von Schoultz (1907-1996), scrittrice modernista finlandese di lingua svedese.

.

Cuore

IMMAGINE © PLAYBUZZ

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Quant'è nobile il cuore triste che vuole cantare un canto gioioso con cuori gioiosi.
KAHLIL GIBRAN, Sabbia e spuma

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...