lunedì 13 febbraio 2017

Il tuo passare

 

GIACOMO PRAMPOLINI

NON TOCCHERAI LE COSE

Non toccherai le cose
che non ti guardano:
l’erba, il sasso, la foglia morta -
esse sono del cielo.

Ma potrai sul colle
narrare in solitudine,
con trepida voce,
il tuo passare.

(da Molte stagioni, Mondadori, 1962)

.

Qualche giorno fa avevo pubblicato una poesia in cui Liliane Wouters sottolineava “Gli  istanti meravigliosi / in cui si crede di essere in sintonia / con l’universo intero / e – forse – con Dio”, quelli in cui ci si può sentire vicino agli alberi e alla natura. Giacomo Prampolini (1898-1975), critico noto per la Storia Universale della Letteratura, aveva una simile coscienza ecologica: già in Sull’Appennino gli dei sottolineava questo aspetto divino della natura: “Allora il vento dal valico porta / respiri eterni, / ignote parole – / e chi le sente / sa senza apprendere: / cose del sonno e del tempo”. Ora è il poeta stesso che iscrive il suo passaggio sul colle, così, semplicemente, senza incidere sul paesaggio se non per la sua presenza.

.

Sisley

ALFRED SISLEY, “IL SENTIERO SULLA COLLINA, VILLE D’AVRAY”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Analogie segrete legano assieme le più remote parti della Natura, come l'atmosfera di un mattino d'estate è pervasa di innumerevoli sottilissimi fili, che vanno in ogni direzione, svelati dai raggi del sole nascente.
RALPH WALDO EMERSON

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...