mercoledì 15 febbraio 2017

Chi non sono stato

 

JOSÉ EMILIO PACHECO

L’ALTRO

Oggi è venuto a farmi visita quello che non sono stato,

L’altro
Ormai per sempre inesistenza pura,
Stratagemma verbale perché lui fosse stato,
Forma attenuata per dire che non fu.

Adesso lo comprendo: chi non sono stato ha vinto,

La realtà non lo ha macchiato, non ha dovuto
Adattarsi all’eterno squallore,
Non si è mai arreso né mai ha venduto la sua anima
per un’oncia di sopravvivenza.

Chi non sono stato se ne va come se nulla fosse.

Non tornerà mai più, è impossibile.

Chi se ne va non torna anche se ritorna.

(da Come la pioggia, 2009)

.

L’altro se stesso, uno scherzo del tempo che affascina i poeti: anche Wisława Szymborska incontra se stessa adolescente: “Siamo così dissimili / che forse solo le ossa sono le stesse, / la calotta cranica, le orbite oculari”. Il poeta messicano José Emilio Pacheco (1939-2014), che di questa alterità e dello scorrere inesorabile del tempo fa un’ossessione, si trova invece faccia a faccia con l’uomo che sarebbe potuto diventare, scevro dai compromessi cui la vita ci obbliga, non disilluso, non disingannato dallo squallore del reale. E si sente doppiamente sconfitto.

.

magritte-decalcomanie

RENÉ MAGRITTE, “LA DECALCOMANIA”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Conoscere se stessi significa non riconoscersi.

ANACLETO VERRECCHIA, Rapsodia viennese

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...