giovedì 26 gennaio 2017

Camice di neve

 

GIUSEPPE UNGARETTI

DORMIRE

Vorrei imitare
questo paese
adagiato
nel suo camice
di neve
 

Santa Maria La Longa, 26 gennaio 1917

(da L’Allegria, 1931)

.

Devo dire che questa era una delle mie poesie preferite tra quelle di Giuseppe Ungaretti (1888-1970) quando ero adolescente. Ora invece la trovo un poco banale, pur apprezzando quella tranquilla pace espressa in analogia con il paese innevato – non si deve dimenticare che il poeta si trovava al fronte, in una pausa dei combattimenti, durante la Grande Guerra. Però queste dieci parole gettano luce su un’altra sua poesia, la celeberrima “M’illumino / d’immenso” (Mattina), scritta quello stesso 26 gennaio di cent’anni fa in quello scenario innevato.

.

Neve

POL LEDENT, “PAESE INNEVATO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il mio supplizio / È quando / Non mi credo / In armonia
.
GIUSEPPE UNGARETTI, L’Allegria

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...