giovedì 1 dicembre 2016

Poesie per dicembre III

 

Dicembre è il mese del solstizio e delle luci di Natale: sembrano replicare quello che più ci manca durante l’inverno, quello che ci ha immalinconito l’anima per tutto novembre. Quella promessa di nuova luce è il viatico per il passaggio dell’anno, è la speranza di una nuova primavera, come rileva Valerio Magrelli (Roma, 1957). Un alleggerimento che è anche quello di Sandro Penna (1906-1976), che vede una luna ingenua sorridere sul freddo tramontare dell’anno.

.

VALERIO MAGRELLI

DICEMBRE

Minimo omaggio a John Donne

Dicembre, il lavandino si è svuotato:
tutta la luce se ne è andata via,
finché il mese sfinito, prosciugato,
giunge al cospetto di Santa Lucia.

Nel tenebrore della siccità
le mattinate sgocciolano notte,
e col solstizio dell’oscurità
l’intero anno si contrae per otte-

nere che lentamente, esile, torni
il moribondo flusso di corrente
ed un nuovo splendore inondi i giorni.

Solo così rinasce quel potente
getto di sole che rimette in moto
ruota, ciclo, marea, nascita, photos.

(da Il sangue amaro, Einaudi, 2014)

.

.

.

.

SANDRO PENNA

COM’È BELLA LA LUNA DI DICEMBRE

Come è bella la luna di dicembre
che guarda calma tramontare l'anno.
Mentre i treni si affannano si affannano
a quei fuochi stranissimi ella sorride.

(da Poesie, Garzanti, 1973)

.

.

.Tramonto

JOE KAZIMIERCZYK, “TRAMONTO INVERNALE A MONTGOMERY”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Dicembre / E il cielo ritorna / Con la sola cornice / Di uno specchio / Nudo.
TAKIS VARVITSIOTIS

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...