lunedì 21 novembre 2016

Un profumo fragile e preciso

 

KATE CLANCHY

POESIA PER UN UOMO SENZA OLFATTO

Ti scrivo solo per informarti:

che la linea più spessa nelle pieghe della mia mano
ha quell’odore che hanno i vecchi banchi di scuola,
coi nomi incisi in profondità, logori e lucidi di sudore;

che sotto lo spruzzo del mio costoso profumo
le mie ascelle danno una nota bassa forte
come un colpo di palmo sul tamburo di una pentola;

che lo sciacquone umido della mia paura è acuto
come il gusto di un tubo in ferro, a mezzo inverno,
sulla lingua di un bambino; e che talvolta,

per la brezza, i capelli delicati sulla mia nuca
dietro il collo, proprio dove tu dovresti chinare
la testa, esitare e strofinare le labbra,

trattengono un profumo fragile e preciso come
una flotta di navicelle di carta, che salpa verso il mare.

(Poem for a Man with no Sense of Smell, da Slattern, 1996)

.

Anosmia, o disosmia: è il termine medico per la perdita permanente o transitoria del senso dell’olfatto. La descrizione che la poetessa scozzese Kate Clanchy (Glasgow, 1965) fa del suo corpo in termini sinestetici è il tentativo di spiegare ciò che chi non può sentire non riesce a intendere che per parafrasi e analogie. Ed è la stessa cosa che in fondo fa ogni poesia: provate a sostituire al soggetto anosmico il lettore e agli odori la poesia…

.

Profumo

FOTOGRAFIA © GORGE.NET

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il profumo è il fratello del respiro.
YVES SAINT LAURENT

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...