domenica 20 novembre 2016

Un aspro nemico

 

JOSEFA PARRAFoto-Josefa-Parra

IL RICORDO E IL SUO CATTIVO GIOCO

Il ricordo non mi lascia abbandonare il tuo viso
bellissimo, e la tua bocca dove il mondo si spalanca
come un calice profano.
Se la memoria non fosse così ostinata,
io ti avrei vinto.
Invece il ricordo è un aspro nemico:
è forte come è forte l'infelicità,
come è forte l'amore. E ancora nelle mie mani
la traccia delle tue si disegna
con dolcezza caparbia,
se per qualche istante il vino o la nostalgia
mi fanno pensare a te.

(da Alcova dell'acqua, 2002)

.

A proposito della poesia di Josefa Parra (Jeréz de la Frontera, 1965) Elisa Costanza Zamora Pérez parla di una “stilistica dell’esistenza e, in particolare, dell’esistenza amorosa”, di un amore dominato dall’erotismo e dalla sensualità. Appare chiaro anche in questi versi dove il ricordo si trasforma quasi in un dolce carceriere ed è evidentemente fisico (il viso bellissimo, il calice della bocca, la traccia delle mani) al punto da fare male ma da essere altresì desiderato.

.

Garmash

DIPINTO DI MICHAEL E INESSA GARMASCH

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Posso vivere di quello che ti ho rubato, / della rendita d’amore che / abbandonasti nel mio letto, / come una triste conchiglia.
JOSEFA PARRA

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...