sabato 19 novembre 2016

Centenario di Albino Pierro

 

Il 19 novembre 1916 nasceva a Tursi Albino Pierro, poeta più volte candidato al Nobel, una delle voci più amate della Lucania, con Rocco Scotellaro e Leonardo Sinisgalli. La sua attività poetica nasce in italiano con raccolte quali Mia madre passava (1956) e Il transito del vento (1957) ma la “singolare arcaicità di struttura ed eccentricità di fisionomia” come nota Mengaldo, lo portano a virare sul dialetto natio già da ‘A terra d’u ricorde (1960) prima a fianco della produzione in italiano, e poi esclusivamente da Nu belle fatte (1975), fino a Nun c’è pizze di munne (1992), ultima raccolta prima della morte, avvenuta a Roma nel 1995.

C’è naturalmente una diretta relazione tra la poetica e la realtà storica lucana, la sua civiltà contadina e l’egemonica civilizzazione italiana: la Lucania resterà per Pierro, trasferitosi a Roma nel 1939 la "terra del ricordo" protagonista della sua poesia. Tra l’altro, la decisione di scrivere nel dialetto di Tursi, per quanto logica conseguenza del suo percorso poetico, fu un’operazione non facile perché quell’idioma di derivazione neolatina non aveva una preesistente struttura fonetica e grafica.

.

Pierro

.

.

da Il mio villaggio, 1959

MORIRE AL CANTO DEI GRILLI

Rivedo il torrente asciutto del mio paese
con quelle pietre così bianche e così grandi
con quelle colline così scarne
più del dolore odiato dagli uomini,
e quelle canne una qua una là
sotto i ponti diruti
sorpresi dalla luna che sbucava da un crepaccio,
cuore della terra divenuta cadavere.

Oh, morire al canto dei grilli in una sera d’estate
Impercettibile filo di luna
fra le colline azzurre del mio paese.

.

.

da I’nnamurete, 1963

 

AMORE

Amore,
amore duce e anniputente,
pure si mo le tegne u core amère,
te sente, amore, granne cchiù d’u mère,
te sente a ttutt’i bbanne com’e ll’arie
c’arravògghiete i cose e lle fè legge
e cchiù ’ucente assèi d’i ’ummenarie.

Amore,
amore bbelle com’u soue,
chille ca si’ nun sacce e nun le trove
cche të chiamè secure, na paroue,
ma sacce c’assemìgghiete a la rise
d’a Maronna cuntente mparavise,
e cca si me verise menze morte
m’accarezzàise duce cche nnu cante
ca lle fè molle i pétre e cca ne tòcchete
u core a li brijantë.

Amore,
amore funne cchiù d’u cehe,
ca me grapise ll’occhie nd’i matine,
stu munne mo me pàrete cechète
come na palla nivre de carvone,
e fùjetë nnaterne arrahugghiète
senze de se vutè com’a nu surde
e ié le curre appresse e fazzë i picce
d’i uagnenelle mahète.

Amore,
amore forte cchiù d’u vente
ca srarechite ll’àrbere e lle sciòllete
i chèse e cca lle lìmete i muntagne,
dannille sempe a tuttë quante i cose
ne picche de stu fiète de giaiantë
e ppo na ’uce aguèle com’u ’ampe
ca s’abbràzzete i spine mmenz’i rose.

Amore,
amore granne cchiù d’u mère;
amore,
amore forte cchiù d’u vente,
nun te scurdè ca pure nd’i turmente
ce agghie vruscjète e vrósce nda stu foche
come a ffrasca ntreccète all’ate frasche
pure cche chillë ca me guardàine storte
e purë mo me uèrene ggià mortë.

Amore,
amore duce e anniputente,
com’agghia fè cche nnu rengradziamente?

.

AMORE

Amore,
amore dolce e onnipotente,
pure se adesso ho il cuore amaro,
ti sento, amore, grande più del mare,
ti sento da per tutto come l’aria
che avvolge le cose e le fa leggere
e più lucenti assai delle luminarie.

Amore,
amore bello più del sole,
ciò che tu sei non so e non la trovo
per chiamarti, sicuro, una parola,
ma so che rassomigli al sorriso
della Madonna contenta nel Paradiso
e che se mi vedevi mezzo morto
mi accarezzavi dolcemente con un canto
che intenerisce le pietre e tocca
il cuore ai briganti.

Amore,
amore profondo più del cielo,
che mi aprivi gli occhi nei mattini,
adesso questo mondo mi sembra cieco
come una palla nera di carbone
e fugge in eterno accartocciato,
senza voltarsi, come un sordo,
e io gli corro appresso e faccio le bizze
come i bambini malati.

Amore,
amore forte più del vento
che sradica gli alberi e fa crollare
le case e che leviga le montagne,
daglielo sempre a tutte quante le cose
un poco di questo respiro di gigante
e poi una luce uguale come il lampo
che abbraccia le spine fra le rose.

Amore,
amore grande più del mare;
amore forte più del vento,
non scordarti che pure fra i tormenti
io ci ho bruciato e brucio in questo fuoco,
come la frasca intrecciata alle altre frasche,
pure con quelli che mi guardavano ostili
e pure adesso mi vorrebbero già morto.

Amore,
amore dolce e onnipotente,
come posso ringraziarti?

.

.

da Si pò nu jurne, 1983

 

SÙU NENTE

Sùu nente, nente
e vèv’ acchianne…

e ll’ate, ll’ate
cchigghi’è ca su’?

“Ma su’ tutte quante com’a tti”
amminàzzete u vente.

e accussì m’arricette
e nun ci penze cchiù
ca m’è scardète e scàrdete n’accette.

.

SONO NIENTE

Sono niente, niente,
e vado cercando…

E gli altri, gli altri,
che cosa sono?

“Ma son tutti quanti come te””
minaccia il vento.

E così trovo pace
e non ci penso più
che mi ha scheggiato e scheggia un’accetta.

.

.

tursi

TURSI © ITALIA & SAPORI

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia s'identifica con il linguaggio dell'infanzia, con la sua arcaicità. volto autentico di una terra.
ALBINO PIERRO

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...