domenica 9 ottobre 2016

Quello che fui a vent’anni

 

JOSÉ EMILIO PACHECO

ALTERITÀ. ALTRA ETÀ

Che cosa penserebbe di me se entrasse in questo momento
e mi incontrasse dove sono, come sono,
quello che fui a vent’anni?

(da Secolo scorso, 2000)

 

Il gioco di parole del titolo è il corollario di questa brevissima poesia del poeta messicano José Emilio Pacheco (1939-2014). L’alterità, essere un’altra persona a distanza di molti anni: rendersi conto di quello che il tempo ha fatto di noi e di quello che noi abbiamo fatto del tempo, un po’ come nella poesia in cui Wisława Szymborska immagina di incontrare se stessa adolescente: “Siamo così dissimili / che forse solo le ossa sono le stesse, / la calotta cranica, le orbite oculari. / (…) /Siamo così diverse, / i nostri pensieri e parole così differenti”. La risposta che dà Pacheco, in un’altra poesia, Commiato, è questa: “Ho fallito. È stata colpa mia. Lo riconosco. / Ma ad ogni modo perdono o indulgenza: / È successo perché ho tentato l’impossibile”.

.

egon-schiele-double-portrait

EGON SCHIELE, “DOPPIO RITRATTO BENESCH”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Cresciamo, invecchiamo ma diventiamo mai veramente adulti?
MARK WILDING, Grey’s Anatomy, stagione 4 ,episodio 8

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...