venerdì 7 ottobre 2016

Il ricordo dei baci

 

VINCENZO CARDARELLI

AMORE

Come chi gioia e angoscia provi insieme
gli occhi di lei così m’hanno lasciato.
Non so pensarci. Eppure mi ritorna
più e più insistente all'anima
quel suo fugace sguardo di commiato.
E un dolce tormento mi trattiene
dal prender sonno, ora ch’è notte e s’agita
nell’aria un che di nuovo.
Occhi di lei, vago tumulto. Amore,
pigro, incredulo amore, più per tedio
che per gioco intrapreso, ora ti sento
attaccato al mio cuore (debol ramo)
come frutto che geme.
Amore e primavera vanno insieme.

Quel fatale e prescritto momento
che ci diremo addio
è già in ogni distacco
del tuo volto dal mio.
Cosa lieve è il tuo corpo!
Basta che io l’abbandoni per sentirti
crudelmente lontana.
Il più corto saluto è fra noi due
un commiato finale.
Ogni giorno ti perdo e ti ritrovo
così, senza speranza.
Se tu sapessi com’è già remoto
il ricordo dei baci
che poco fa mi davi,
di quel caro abbandono,
di quel folle tuo amore ov’io non mordo
che sapore di morte.

(da Poesie, 1949)

.

Come in Leopardi, anche nelle poesie di Vincenzo Cardarelli (1887-1959) l’amore  è sempre astratto e assoluto: in questa lirica dal sapore dello Stil Novo, con quel distico iniziale che fa pensare a componimenti del Duecento o al Petrarca, il solitario poeta laziale che amò Sibilla Aleramo è tormentato dal momento dell’addio, dal fatto che ogni storia d’amore, già avara per natura, è destinata a finire.

.

Herschtritt

LEON HERSCHTRITT, “LOVERS IN PARIS”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Dovevamo saperlo che l'amore / brucia la vita e fa volare il tempo.
VINCENZO CARDARELLI, Poesie

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...