martedì 25 ottobre 2016

Come se avessi una casa

 

OLAV V. HAUGE330px-OlavHHaugeCa1940

CAPANNE DI FOGLIE E CASE DI NEVE

Non sono gran che
questi versi, solo
qualche parola, messa insieme
a caso.
Tuttavia
mi piace moltissimo
comporli, allora
è come se avessi una casa
per qualche breve attimo.
Ricordo le capanne di foglie
che costruivamo
quando eravamo piccoli:
infilarcisi dentro, sedersi
e ascoltare la pioggia,
sapersi soli nella natura,
sentire le gocce sul naso
e tra i capelli –
oppure le case di neve a Natale,
infilarcisi dentro e
chiudere con un sacco,
accendere una candela, starsene lì
nelle sere fredde.


(da La terra azzurra, Crocetti, 2008 – Traduzione di Fulvio Ferrari)

.

Mi capita spesso di sentire criticare le poesie come se il lettore fosse il depositario assoluto della verità. In realtà ogni poesia è una fotografia del momento ed è un posto dove il poeta si rintana per santificare le sue emozioni, per fermarle sulla carta o sullo schermo di un apparecchio elettronico. Ogni poesia dunque – come dice il poeta norvegese Olav V. Hauge (1908-1994) – è una capanna di foglie, è una casa di neve, un rifugio sicuro dove rimanere con se stessi.

.

2a25fd0edc1ccf5fd1ef8cd83e1c334e

DIPINTO DI JACEK YERKA

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Una buona poesia / deve odorare di tè. / O di terra umida e legna appena tagliata.
OLAV V. HAUGE

1 commento:

Gio ha detto...

Il quadro che hai associato è la sintesi perfetta del tuo pensiero.
La porta aperta un angolo di sereno paradiso di pace e distacco dai meandri del pensiero e della realtà.

Mi ha lasciato dentro una sensazione di speranza ed un sorriso. Il valore del ricordo e di un emozione legata ai versi.
Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...