martedì 27 settembre 2016

A ritroso

 

LEONARDO SINISGALLI

LA LUCE ERA GRIDATA A PERDIFIATO

La luce era gridata a perdifiato
Le sere che il sole basso
Arrossava il petto delle rondini rase.
Ora e sempre più viva
Sarà la smania di far notte in me solo
E cercar scampo e riposo
Nella mia storia più remota.
Ogni sera mi vado incontro a ritroso
.

(da Vidi le Muse, Mondadori, 1943)

.

Cesare Pavese scrisse nel Mestiere di vivere.“L’infanzia non è soltanto l’infanzia vissuta, ma l’idea che ce ne facemmo nella giovinezza, nella maturità, ecc. Per questo appare l’epoca più importante: perché è la più arricchita dai ripensamenti successivi”. La pensa così anche il poeta lucano Leonardo Sinisgalli (1908-1981), che trova rifugio in quella fantastica infanzia, dove tutto era possibile, a partire dalla sinestesia del primo verso, che consente alla luce di essere addirittura gridata e al poeta di ritrovare la madre: “Ora so non dolermi / Se la mano nel buio / Tocca il fondo e tu non ci sei. / Allora cercavo la tua ombra / In quella del muro / Sulla terra bianca / d’infanzia. / I compagni gridavano a perdifiato / Freschi di capelli nell'afa. / Tu muovevi la polvere dietro le spalle”.

.

Gilbert

VICTOR GABRIEL GILBERT, “BAMBINI CHE GIOCANO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Tutte le passioni passano e si spengono tranne le più antiche, quelle dell’infanzia.
CESARE PAVESE, Il mestiere di vivere

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...