sabato 20 agosto 2016

Quella fiamma di lino

 

GIORGIO CAPRONI

INCONTRO

Nell’aria fresca d’odore
di calce per nuove case,
un attimo: e più non resta
del tuo transito breve
in me che quella fiamma
di lino – quell’istantaneo
battito delle ciglia,
e il pànico del tuo sorpreso
– nero, lucido – sguardo.

(da Ballo a Fontanigorda, 1938)

.

C’è spesso in Giorgio Caproni (1912-1990) questo gusto sensoriale: in questo caso è l’olfatto – l’odore aspro della calce – a fondersi con una sensazione indefinibile, l’incrocio fugace con una donna (una delle tanti passanti che attirano i poeti, ma questo è un altro discorso), che se ne va lasciando dietro di sé soltanto la sua immagine già perduta nella memoria: “Ma io sento ancora / fresco sulla mia pelle Il vento / d’una fanciulla passatami a fianco / di corsa”.

.

Kohn

ANDRE KOHN, “WOMAN IN RED DRESS”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Tutti riceviamo un dono. / Poi, non ricordiamo più / né da chi  né che sia. / Soltanto, ne conserviamo / – pungente e senza condono – / la spina della nostalgia.
GIORGIO CAPRONI, Res amissa

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...