sabato 13 agosto 2016

Il disinganno

 

VINCENZO CARDARELLI

PASSAGGI

Le voglie trattenute
mi stemprano in languide inedie.
E il riso spunta sulle fissità.
Amori senza connubio
passano
come frutti sul ramo.
Il più frettoloso figliolo
del Tempo, il Disinganno,
che si nutre di sottigliezze
acerrime e conclusive,
ancora intatti li uccide
i sogni della mia indecisione
.

(da Poesie, 1942)

.

L’eco leopardiana risuona sovente nelle poesie di Vincenzo Cardarelli (1887-1959), un Leopardi meno intenso, sbiadito dall’assenza quasi totale delle immagini, ma “cucinato” con tutti i suoi ingredienti tipici: il disinganno, le illusioni schiantate, lo scorrere delle stagioni.

.

Richard Bergh - Sera d'estate nordica

RICHARD BERG, “SERA D’ESTATE NORDICA”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Qualcosa ci è sempre rimasto, / amaro vanto, / di non ceduto ai nostri abbandoni, / qualcosa ci è sempre mancato.
VINCENZO CARDARELLI, Poesie

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...