martedì 26 luglio 2016

Senza alcuno strumento

 

ADAM ZAGAJEWSKIAdam-Zagajewski-350x402

LÀ, DOVE IL RESPIRO

Sta sulla scena
senza alcuno strumento.

Appoggia le mani sul petto,
là dove nasce il respiro
e dove si spegne.

Non sono le mani a cantare
E nemmeno il petto.
Canta ciò che tace.

(Da Della vita degli oggetti, Adelphi, 2012 - Traduzione di Krystyna Jaworska)

.

“Questo mondo ricreato dall’arte non è un luogo di fuga, al contrario è in relazione con la cruda realtà di questo secolo” scriveva il Premio Nobel polacco Czesław Miłosz delle poesie del suo connazionale Adam Zagajewski (Leopoli, Ucraina, 1945): così si può intravedere il poeta in questo personaggio sulla scena che “canta” con il silenzio: “Egli agisce, nel fulgore e nelle tenebre, / nel fragore delle cascate e nel silenzio del sonno, / ma non come annunciano i vostri / pastori, che restano ben protetti. / Cerca la linea più distante, / una strada così lontana che quasi / non si vede”.

.

Cheval

DIPINTO DI MICHAEL CHEVAL

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia, come la letteratura, come il linguaggio, scopre all’interno del mondo un livello che non è osservabile nella realtà, e così facendo cambia qualcosa nell nsotre vite, espande in qualche modo lo spazio in cui siamo.
ADAM ZAGAJEWSKI, Poets & Writers, 13 agosto 2004

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...