sabato 4 giugno 2016

Amo la geometria

 

JOSÉ CARLOS LLOPJosé-Carlos-Llop

LA TENTAZIONE DEL GEOMETRA

Sono un letterato ma amo la geometria:
la losanga di Michaelis, le semisfere
delle natiche e la loro sacra ellissi,
la rigonfia perfezione della vulva
o la curva del pube, che adoro,
come la linea che si incrocia dietro
il ginocchio, o la tangente obliqua
della nuca. Amo le sfere
come albicocche o susine,
la baia tra il collo e la spalla,
i dolci ruscelli all’interno
dei polsi e lo splendore
del Bosforo tra le gambe,
con Istanbul in fondo e l’Asia
dietro. Poiché sono un letterato
so che la tentazione segreta
del geometra è la geografia:
disegnare le carte nautiche
su una pelle sconosciuta,
indugiare sulla tesa
parabola del capezzolo,
segnare le coordinate
e i loro confini e conoscere il caldo
tropicale di quei posti,
da dove uccelli bianchi
salgono dalle mangrovie
e si alzano in volo, cantando:
ultima magia della simmetria.

(da La vida distinta, 2014)

.

Se in ogni notaio si cela un poeta, come chiosava Flaubert, in ogni letterato si nasconde un geometra: la tentazione dello scrittore spagnolo José Carlos Llop (Palma di Maiorca, 1956) è quella di cantare geometricamente il corpo femminile, le sue linee e le sue sfere in una poesia densa di erotismo che traccia in forma moderna uno di quei “blasoni” diffusi nel Medioevo e nel Rinascimento.

.

Vicente

FERNANDO VICENTE, “BAÑO (BOCETO)”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'erotismo è dare al corpo le suggestioni della mente.
GEORGES PERROS, Papiers collés I

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...