mercoledì 20 aprile 2016

Oltre i confini della musica

 

ÁNGEL GONZÁLEZ

CANZONE PER CANTARE UNA CANZONE

È musica... Persiste,
fa male all’anima.
Viene talora da un tempo remoto,
da un’epoca impossibile
persa per sempre.
Va oltre i confini della musica.
Ha corpo, profumo,
è come la polvere di una vicenda imprecisa,
di un ricordo che non si è mai vissuto,
di una vaga speranza irrealizzabile.
Si chiama semplicemente:
Canzone

Ma non è soltanto questo.

È anche la tristezza.

(da Trattato di urbanistica, 1967)

.

Ci sono canzoni come queste di cui parla il poeta spagnolo Ángel González (1925-2008): vengono dal passato a spolverare come un piumino i ricordi, a rilucidarli. E allora il tempo sembra non essere trascorso, per qualche istante torniamo quelli che eravamo, riassaporiamo quelle antiche emozioni, riviviamo quelle giornate di spiaggia, quell’amore lontano, quel momento con i figli. E quella dolcezza che sentiamo pervaderci in fondo non è che nostalgia o malinconia.

.

Roosevelt

UOMO CHE ASCOLTA LA RADIO, WASHINGTON, FDR MEMORIAL

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Chiudo gli occhi per vedere / e sento / che mi pugnala freddo, / con giustezza, / questo ferro vecchio: / la memoria
.
ÁNGEL GONZÁLEZ, In ogni modo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...