lunedì 25 aprile 2016

Lo impiccarono i tedeschi

 

MARIO TOBINOTobino

IL PASI

Il Pasi era un giovanotto
veniva dalla Romagna,
insieme eravamo giovani,
si camminava muovendo le spalle,
le donne avean per noi debolezza.
Lui lo impiccarono i tedeschi
dopo sevizie che non ho piacere si sappiano,
io ho un cappotto di anni,
ma, o Pasi, sei stato
il più bell'italiano di mezzo secolo.

(da L'asso di picche, Vallecchi, 1955)

.

25 aprile, Anniversario della Liberazione. Al di là della retorica e dei suoi eccessi, ecco una umanissima poesia di Mario Tobino (1910-1991), scrittore e psichiatra viareggino, combattente sul fronte libico e, dopo l’8 settembre, partigiano sulle colline toscane. È il ricordo di Mario Pasi, medico ravennate, commissario del CLN bellunese, catturato nel dicembre 1944 dai tedeschi, torturato e seviziato per quattro mesi nella caserma Tasso di Belluno e impiccato il 10 marzo 1945 al Bosco delle Castagne per rappresaglia ad un attentato al Poligono di tiro di Mussoi. I versi di Tobino fanno pensare ancora una volta alla celebre frase della Casa in collina di Cesare Pavese: “Ogni guerra è una guerra civile: ogni caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione”.

.

foto-archivio-25-aprile

IMMAGINE DAL WEB

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La storia fosse scritta dalle vittime / altro sarebbe, un tempo di minuti, / di formiche incessanti che ripullulano / al nostro soffio e pure ad una ad una / vivide di tenacia, intente d’essere.
ALFONSO GATTO, La storia delle vittime

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...