domenica 10 aprile 2016

L’amore degli Otelli

 

NASOS VAGHENÀS

BALLATA DELL’AMANTE INSICURO

Scrivere il tuo nome sopra i vetri
                    appannati,
attendere in stazioni dove hai atteso
                    per ore,
son cose che non danno né gioia
                    né dolore.

Suono azzurro, ancestrale, altissimo
                    profumo,
la tua voce scintilla come lacrima
                    angelica.
Ma il mio amore è l’amore degli Otelli.

E quando mi rinfòcola e quando mi
                    addormenta,
rabbrividisco e vedo innanzi Iago.
Mi dico: lega i giambi con lo spago.

Le poesie sono fiori molto esili,
nutriti dalla cònsona tristezza.
E l’ira, se si accumula, li spezza.

(da Ballate oscure, Crocetti, 2006 - Traduzione di Filippomaria Pontani)

.

“La poesia può o non può essere ispirata dall'attualità. Però si nutre dell'attualità profonda, dalla quale può anche essere ispirata. Io raramente sono ispirato dai grandi eventi di cronaca” disse in un’intervista al Messaggero il poeta greco Nasos Vaghenàs (Drama, 1945). Quello che è certo è che la poesia si impone nel nostro quotidiano, si nutre delle piccole grandi cose, dei sentimenti, delle emozioni, come accade all’amante insicuro – lo stesso Vaghenás naturalmente – capace di rendere in rima questa sua gelosia.

.

Hoffmann

FOTOGRAFIA © PAUL HOFFMANN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Una persona competente e sicura di sé è incapace di ogni sorta di gelosia. La gelosia è invariabilmente sintomo di insicurezza neurotica.
ROBERT HANSON HEINLEIN, Lazarus Long l’immortale

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...