mercoledì 16 marzo 2016

Parola, vestito regale

 

OL’GA SEDAKOVASedakova

PAROLA

E colui che ama sarà riamato.
Chi serve, sarà servito -
se non ora, un giorno che verrà.

Meglio per colui che si riconosce grato,
e avendo servito se ne va lieto,
senza Rachele, per le verdi colline.

Ma tu, parola, vestito regale,
abito della lunga, breve pazienza,
più alto del cielo, più del sole allegro.

I nostri occhi non vedranno
il tuo colore innato,
l’ampio fruscìo delle tue pieghe
non sentiranno le orecchie dell’uomo,

solo il cuore dirà tra sé medesimo:
- Libere siete, e libere sarete,
e innanzi a schiavi non risponderete.

(da Vecchi canti - Primo quaderno 1979-1980 - Traduzione di Adalberto Mainardi)

.

Sono versi - quasi un salmo apocrifo - che inneggiano alla forza della poesia questi scritti dalla poetessa russa Ol’ga Sedakova (Mosca, 1949): la parola emerge per essere riconosciuta, per risplendere nel suo vestito regale (“Quello che mi stimola è l’intensità di ogni singola parola” disse in una intervista) e il lettore è in grado di interpretarle se è sulla stessa lunghezza d’onda di quella intensità, soltanto allora le parole gli si riveleranno.

.

Flan

DIPINTO DI MIKE FLAN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Chi ama la parola, questi la conosce, / chi ama il suono, lo ode risuonare.
OL’GA SEDAKOVA

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...