sabato 6 febbraio 2016

Preferire una rosa

 

ALESSANDRO MONTICELLIMonticelli

MEMENTO VIVERE

Sprimaccio il cuscino
E mugghiando a intermittenze
Pilucco pensieri e parole.
Le ultime degne di nota sono state:
“Non sei che un chiodo entrato storto
Nel legno della mia vita”.
Escono dalla scena con grande magia le
donne
È la loro arte la loro prestidigitazione
Al confronto i nostri numeri sono niente
Neve sfiorita ai margini del
marciapiede.
Amare e potermi dire amato questo ho
voluto
Chissà se ci sono riuscito.
Un’alba misera spunta su tutto
Comprese puntute signore in delirio
Per le note di questa piccola sinfonia
Di un re minore.
Io nel frattempo mi alzo e pronuncio un nome
Come se fosse possibile preferire una rosa
A un’altra rosa.

(da Radici in aria, Lupi Editore, Sulmona, 2015)

.

Radici in aria, per i tipi di Lupi Editore è l’ultima fatica letteraria di Alessandro Monticelli (Sulmona, 1973), poeta in proprio e pittore nel duo Monticelli&Pagone. Una raccolta in cui, tra toni che riecheggiano qua e là le poesie d’amore e d’eros di Alberto Bevilacqua, la malinconica ironia che traspare sotto il reticolo di immagini è una cifra per cercare di penetrare la realtà, per disserrare la sua precarietà come un’ostrica e trovare finalmente la perla luminosa che giustifica la vita: “Mi siedo all’estremità del letto / Tra il mio corpo nudo e l’eleganza dei / tuoi piedi / sicuro che l’amore è il segreto che / mentre dormi / Una delle tue mani chiuse nasconde”.

.

ROR-Pink

ALESSANDRO NONTICELLI, ROR-PINK”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
E mi tengo ben stretto tutto quello che  / non conosco.
ALESSANDRO MONTICELLI, Radici in aria

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...