mercoledì 10 febbraio 2016

Per cercarti, Poesia

 

OCTAVIO PAZ

L’ASSETATO

Per trovarmi, Poesia,
mi cercai in te:
stella d’acqua che si sfalda,
l’essere mio s’annegò.
Per cercarti, Poesia,
feci naufragio in me.

Poi presi a cercarti, per
fuggire da me:
oh quel folto di riflessi
in cui mi perdei!
E quando feci ritorno
quello che trovai fu

lo stesso volto perduto
nella stessa nudità,
le stesse acque specchianti
alle quali non berrò
e alle sponde dello specchio
me stesso morto di sete.

(El sediento, da Libertà sulla parola, 1958 - Traduzione di Francesco Tentori Montalto)

.

“In mutamento perenne, la poesia non avanza” scrisse il Premio Nobel messicano Octavio Paz (1914-1998). È un buono spunto di lettura per questi suoi versi: il poeta come un esploratore che circumnaviga se stesso, che gira intorno alla parola trovandosi e perdendosi, riconoscendo qua e là un barbaglio di verità per poi di nuovo naufragare: “L’attività poetica nasce dalla disperazione di fronte all’impotenza della parola e termina nel riconoscimento dell’onnipotenza del silenzio”.

.

Raceanu

MIHAI ADRIAN RACEANU, “CASTAWAY FROM MEMORIES”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
È il poema a dire noi.
OCTAVIO PAZ, Ritorno

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...