giovedì 25 febbraio 2016

Nel cielo dei portoni

 

ALFONSO GATTOGatto

ALBA A SORRENTO

Al freddo stretto i limoni movevano la luna d’alba
prossima ad esalare scialba nel cielo dei portoni.
Sulla finestra a grate, tra i rami d’arancio
portava il vento uno slancio di polle rosate:
i gerani smorti dal gelo trepidavano d’aria
sotto l’arcata solitaria illuminata dal cielo.

Ai monti pallidi d’ali sorgevano voci remote,
per strada le ruote dei primi carri, i fanali
tenui nel vetro dell’aria, trasparenza del verde
fresco delle persiane; lungo i cancelli
il sole era un caldo cane addormentato tra i monelli.

(da Morto ai paesi, 1937)

.

Un bozzetto del primo Alfonso Gatto (1908-1976): la bella città che dà nome alla penisola a sud di Napoli si risveglia sotto un cielo quasi ad acquarello che si apre alla luce per donare pienezza al tripudio dei colori: dal giallo e dall’arancione degli agrumi al rosso dei gerani, passando per il verde delle persiane e il rosa dei riflessi. Quanto alla tecnica, da notare l’uso sapiente della rimalmezzo.

.

sorrento_sunrise

BOB PEYMAN, “SORRENTO SUNRISE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ancora s'apre all'aperto, / al conto degli occhi, la sola paura d'essere vivi, / mangiando al guscio le arselle, guardando le stelle.

ALFONSO GATTO, Poesie d’amore

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...