venerdì 12 febbraio 2016

Aspetto l’autobus

 

KO UNkoun

C’È CHI DICE DI AVERE RICORDI

C’è chi dice di avere ricordi di mille anni fa
E chi dice di aver già visitato i mille anni del futuro
In una giornata ventosa
Io aspetto l’autobus

(da Fiori d'un istante, 2001 - Traduzione di Vincenza D'Urso)

.

“Chissà! Forse la contemporaneità guadagna di significato quando un essere umano ricolloca la propria vita dalla sfera privata a quella pubblica. È solo quando si stabilisce il contemporaneo come proprio spazio reale, che la contemporaneità – forse – può esistere. Si tratta di costruire, non di distruggere. Di conseguenza, si tratta di vivere, non di lasciarsi vivere”: il poeta sudcoreano Ko Un (Gunsan, 1933) scrisse queste parole in occasione di un premio assegnatoli a Pescara nel 2014. Quello che risalta anche da questa brevissima poesia – come molte delle sue, delle stilettate, delle frecce che lacerano l’aria: la contemporaneità, la quotidianità nostalgica in cui tutti quanti siamo immersi.

.

Collard

DAVID COLLARD, “WAITING FOR THE TRAIN”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il presente che definiamo contemporaneità è un lungo, lunghissimo periodo di transizione tra il passato e il futuro, e in quanto tale subisce sempre l’influenza di ciò che ha davanti e di ciò che si lascia alle spalle, dei ricordi e dei sogni.
KO UN

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...