sabato 16 gennaio 2016

E libri, voi, paradisi dipinti

 

GESUALDO BUFALINOBufalino

IMPROVVISO D’AMORE

Losanghe di cieli, cieli di gesso,
vecchio terrore che indosso ogni giorno;
muraglie da cui sempre mi ritorna
questa mia strenua voce d’ossesso;

e libri, voi, paradisi dipinti,
reticolati d’assurdo quaderno,
trionfo e sbarre di carcere eterno,
fughe immobili e nero labirinto:

oh mescetevi, carte, firmamenti,
memorie; fate rissa entro di me,
e inventatemi un nome, un altro viso.

Ora che lei m’ha parlato alla mente,
lei nel suo scialle di sposa di re,
con gli stupori e i corrucci e le risa…

(da L’amaro miele, Einaudi , 1982)

.

Lo scrittore siciliano Gesualdo Bufalino (1920-1996) era uomo di profonda cultura e un accanito lettore – nei primi anni ‘90 donò oltre 4500 libri alla Biblioteca di Comiso: non suonerà strano allora che ai libri e alle loro pagine chieda sostegno al suo innamoramento, che li usi come un oroscopo liberamente consultabile, come un manuale da cui attingere.

.

Sargent

JOHN SINGER SARGENT, “UOMO CHE LEGGE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il primo segno d’amore consiste nel trasformare un essere che ci era domestico in un demone sconosciuto
.
GESUALDO BUFALINO, Il malpensante

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...