martedì 29 settembre 2015

Questo orto

 

ATTILIO BERTOLUCCI

DECISIONI PER UN ORTO

Bisogna rivalutare questo orto
recingerlo dove è aperto di rete metallica
azzurra sostituendo i pali fradici
pallidi di vecchiaia con altri
appena scortecciati di un bianco
che si dora all’aria con lentezza
e felicità e saranno le piogge e le nevi
di là da venire ad argentarli
così che di essi non si distingua l’età.
A suo tempo ricordarsi delle sementi
da inviare qui perché si provveda
a rendere fruttifera una terra
che produce soltanto alte ortiche
e gramigne ruvide e da una pianta folgorata
prugne selvatiche eccessivamente dolci.
Pregio di tale appezzamento misero
l’esposizione ad occidente e dunque
sul suo pendìo il sole della sera
a lambirci la faccia vecchio cane
da caccia in pista fra cielo e boschi
sublimi per altezza e intrico nero di rami.

(da Viaggio d'inverno, 1971)

.

Viaggio d’inverno è la raccolta romana di Attilio Bertolucci (1911-2000): il poeta dell’Appennino parmense sente nostalgia di quella terra natale dove ritorna appena può, nel “corso paziente delle stagioni”: ripulire un pezzo di terra, ripristinare i pali e la rete di un orto da far coltivare e da rimirare durante l’estate, è un’attività apparentemente semplice che in realtà costituisce un ulteriore legame con le proprie radici.

.

Zairis

EMMANUEL ZAIRIS, “RAGAZZA NELL’ORTO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Coltiviamo il nostro piccolo orto non solo per la speranza di poterne ricavare dei frutti un domani, ma soprattutto per il piacere che tale cura e tale speranza ci procurano oggi.
GIOVANNI SORIANO, Finché c’è vita non c’è speranza

1 commento:

Paolo ha detto...

bella. Una poesia da vecchio che se ne sta a rimirare la recinzione, l'ortica e il susino e vaneggia di sementi e di dmani....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...