domenica 27 settembre 2015

Il non domato spirito

 

UMBERTO SABA

ULISSE

Nella mia giovinezza ho navigato
lungo le coste dalmate. Isolotti
a fior d’onda emergevano, ove raro
un uccello sostava intento a prede,
coperti d’alghe, scivolosi, al sole
belli come smeraldi. Quando l’alta
marea e la notte li annullava, vele
sottovento sbandavano più al  largo,
per sfuggirne l’insidia. Oggi il mio regno
è quella terra di nessuno. Il porto
accende ad altri i suoi lumi; me al largo
sospinge ancora il non domato spirito,
e della vita il doloroso amore.

(da Mediterranee, Mondadori, 1946)

.

Tra i versi più celebri del poeta triestino Umberto Saba (1883-1957) vi sono questi dedicati a Ulisse, all’Ulisse che è dentro ognuno di noi, a quello capace, come il protagonista del XXVI canto della Divina Commedia, di affrontare l’avventura del vivere e del sapere: “E volta nostra poppa nel mattino, / de' remi facemmo ali al folle volo”. Saba, da ragazzo, terminato il ginnasio, abbandonò gli studi alla Regia Accademia di Commercio e Nautica e si imbarcò come mozzo su un mercantile che navigava tra i porti della costa adriatica: fu il suo peregrinare come quello di Ulisse, fino al momento in cui accettò la vita per quello che è, ritornando così nella sua Itaca, nella coscienza di sé.

.

Hünten

FRANZ HÜNTEN, “SHIPPING ON THE BOSPHORUS”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Fu come un vano / sospiro / il desiderio improvviso d’uscire / di me stesso, di vivere la vita / di tutti, / d’essere come tutti / gli uomini di tutti / i giorni!

UMBERTO SABA, Canzoniere

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...