lunedì 27 luglio 2015

Colombaia dorata

 

ANNA ACHMATOVA

VENEZIA

Colombaia dorata sull’acqua,
tenera e verde struggente,
e una brezza marina che spazza
la scia sottile delle barche nere.

Che dolci, strani volti tra la folla,
nelle botteghe lucenti balocchi:
un leone col libro su un cuscino a ricami,
un leone col libro su una colonna di marmo.

Come su di un’antica tela scolorita,
il cielo azzurro fioco si rapprende…
ma non si è stretti in quest’angustia,
e non opprimono l’umido e l’afa.

1912

(da La canna, 1936)

.

Il fascino sottile di Venezia ha sempre colpito artisti, pittori, musicisti, scrittori e poeti: la sua unicità che ne fa come una nave pronta ad affondare, i suoi sestieri, i ponti sui rii, le calli dove il vento si infila, le botteghe luccicanti di merci dove si mischiano spesso i riflessi delle acque della laguna donano fertile ispirazione anche ad Anna Achmatova (1889-1966), poetessa russa, capace di trovare nuove analogie.

.

Djukaric

DUSAN DJUKARIC, “VENICE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Venezia è come mangiare tutta in una volta una scatola di cioccolatini al liquore.
TRUMAN CAPOTE, Observer, 1961

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...